Implantologia dentale

Questa pagina contiene un panorama della terapia Implantologia a Pescara presso il nostro Studio Dentistico.

Che cosa è l’implantologia dentale?

l’implantologia dentale o chirurgia implantare permette la sostituzione degli elementi dentari senza dover limare i denti vicini per costruire un ponte.
>>Ritorna all’inizio

Che cosa è un impianto?

Impianto dentale

Un impianto è una vite in titanio che viene inserita nell’osso al posto del dente mancante.  Si possono sostituire anche entrambe le arcate dentarie (in caso di edentulia totale) attraverso l’ancoraggio di una protesi mobile sugli impianti, di una protesi fissa full-arch ancorata a quattro, a sei (all-on-four, all-on-six) o più impianti. Si può sostituire un dente mancante con corone singole su impianti o sostituire più elementi mancanti con ponti su impianti.

Approfondisci leggendo l’Articolo dedicato alla spiegazione della Struttura di un impianto dentale.
>>Ritorna all’inizio

Qual è la differenza tra impianti e ponti?

Impianto vs. ponteSostituire dei denti mancanti con un ponte oggi può essere considerato anacronistico, non solo perchè con gli impianti evitiamo di limare dei denti sani, ma anche perche con l’introduzione degli impianti evitiamo che l’osso si riassorba nella zona edentula (zona in cui mancano i denti) e nel tempo venga perso del tutto con varie conseguenze negative tra cui una compromissione a livello estetico.
>>Ritorna all’inizio

E’ sempre possibile utilizzare gli impianti?

Non ci sono i limiti di età – deve soltanto essere conclusa l’età dello sviluppo.

Comunque capita spesso di avere una scarsa quantità di osso nella zona edentula: sia in spessore che in altezza.  La quantità di osso disponibile si verifica in base a radiografie e TAC.

Quando la quantità ossea è scarsa bisogna applicare delle tecniche di rigenerazione ossea prima dell’intervento implantare . Così si viene a creare il terreno adatto per ricevere l’impianto e per avere un’ottima stabilità.

Tra le altre condizioni, che possono costituire una controindicazione alla riabilitazione implanto-protesica, sono:

  • condizioni sistemiche del paziente, che costituiscono un impedimento assoluto a ogni tipo di intervento di chirurgia orale;
  • terapie prolungate con farmaci che alterano in modo determinante il metabolismo del tessuto osseo (ad es. bifosfonati assunti per via endovenosa);
  • crescita scheletrica non completata;
  • malattia parodontale non adeguatamente trattata/non controllata.

Informazioni dettagliate sull’opportunità di una terapia implantare nel proprio caso specifico potranno essere fornite dal suo dentista di fiducia, dopo attenta valutazione anamnestica e clinica.

>>Ritorna all’inizio

Quanto tempo dopo l’intervento vengono messi i denti?

A volte si può mettere subito una corona provvisoria (Carico immediato), altre volte invece si deve attendere che l’impianto si integri nell’osso.

Dove c’è indicazione, ricorriamo all’implantologia a carico immediato.  Questo tipo di intervento è possibile grazie agli impianti di ultima generazione con superficie bioattive e con morfologia adatta.

L’implantologia immediata è particolarmente interessante per i pazienti completamente edentuli/portatori di una protesi mobile totale in quanto permette di buttare via la dentiera e iniziare a masticare con i denti fissi (protesi fissa avvitata sugli impianti) da subito.
>>Ritorna all’inizio

Si possono utilizzare gli impianti per stabilizzare la protesi rimovibile?

Si, è certamente possibile.

Si può, infatti, considerare l’alternativa ad un trattamento implantare più complesso volto all’ottenimento di una riabilitazione fissa nel caso di pazienti edentuli già portatori di una protesi totale i quali non siano soddisfatti del livello di stabilità della propria protesi mobile.

Questo tipo di opzione risulta, inoltre, anche economicamente più vantaggiosa rispetto ad una soluzione fissa.

Quando una protesi dentaria mobile si porta per diversi anni l’osso mascellare va incontro ad un’atrofia che rende la protesi instabile.  In questo caso per raggiungere una buona stabilità l’unica scelta è ancorare la protesi mobile sugli impianti.  Nell’osso mascellare si inseriscono due/quattro impianti, gli elementi di ancoraggio vengono avvitati sugli impianti (attacchi a sfera o barra).  La protesi viene ancorata su questi attacchi e diventa stabile.

Non cambiano le regole di una buona igiene orale: bisogna comunque togliere e pulire la protesi dopo i pasti.  Quello che cambia è che adesso si ha una sensazione di sicurezza ed un comfort nella masticazione.


>>Ritorna all’inizio

Protesi fissa su impianti – Implantologia immediata – denti in un giorno

All-on-4 e All-on-6 - Implantologia Pescara e Vasto

Protesi fissa sugli impianti – tecnica All-on-4 e All-on-6

Una soluzione che usiamo abitualmente per le riabilitazioni d’implantologia immediata con carico immediato sono il metodo All-on-4™ ed il metodo All-on-6.

Questi metodi consistono nell’inserimento di soli quattro o sei impianti nell’osso mascellare con contestuale cementazione di una protesi fissa sugli impianti appena inseriti permettendo così una riabilitazione immediata.  Il paziente esce dallo studio con un nuovo sorriso già lo stesso giorno!

Questa tecnica permette di evitare un innesto osseo nei casi dove non ci sia sufficiente volume osseo nei settori posteriori del mascellare – questo è possibile grazie all’inclinazione di 30-45 gradi con la quale sono inseriti gli impianti posteriori volta ad evitare strutture anatomiche delicate ed importanti come il seno mascellare e il nervo sensorio nella mandibola.

Come avviene il trattamento d’Implantologia All-on-4/All-on-6 e quali sono i tempi?

  • In anticipo, prima dell’intervento si prende un’impronta e si prepara una mascherina radiografica che il paziente dovrà indossare per effettuare la TAC;
  • All’inizio dell’intervento vengono rimossi i denti/radici rimanenti;
  • Si esegue l’intervento implantologico nel corso del quale si inseriscono quattro impianti e si esegue un’impronta intraoperatoria;
  • Alla fine dell’intervento si congeda il paziente e dopo qualche ora si potrà avvitare una protesi provvisoria realizzata in laboratorio.  Il paziente esce dallo studio con un nuovo sorriso.  Il paziente può da subito masticare con la nuova dentatura provvisoria.
  • Dopo il periodo di guarigione (circa tre mesi) viene cementata la protesi definitiva.

>>Ritorna all’inizio

Casi clinici Implantologia dentale

Questo contenuto sarà disponibile dopo l'accettazione dell'utilizzo dei Cookies.

Questo contenuto sarà disponibile dopo l'accettazione dell'utilizzo dei Cookies.

Questo sito utilizza i Cookies per migliorare la sua esperienza di navigazione.  Continuando la navigazione sul sito o cliccando sul tasto "Accetto" dai il tuo consenso all'utilizzo dei cookies.

Leggi la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies: Informativa legale